Matmos on tour with Zeena Parkins
Björk’s band members
Domenica 3 settembre 2006 alle 20.30
Cinema Teatro di Chiasso

Entrata
Fr. 25.–
€ 16.–

Prevendita
Mandrake Jazz & Comix, Corso Elvezia 13, Lugano
Music City Soldini, Piazza Grande 9, Locarno
Libreria Leggere, Corso San Gottardo 88, Chiasso

Riservazione biglietti
+4176 505 7838

Con il patrocinio dell’Ufficio Cultura Comune di Chiasso
e il contributo di Progetto Stampa SA, Chiasso

L’associazione nuove proposte culturali presenta una serata di
musica elettronica dal vivo articolata in due parti: in un primo tempo si esibirà Zeena Parkins, arpista sperimentale e esploratrice del suono che va’ sicuramente annoverata fra le compositrici più innovative sulla scena mondiale.
Il secondo momento propone la band Matmos, duo di S. Francisco composto da Drew Daniel e Martin Schmidt, una delle formazioni più importanti e influenti del panorama elettronico contemporaneo accompagnata per l’occasione dalla stessa Zena Parkins.

Zeena Parkins
Compositrice, strumentista e pioniera dell’arpa elettrica: è stata in grado di estendere le possibilità musicali di questo strumento con l’invenzione di originali tecniche esecutive e rivoluzionari processi digitali. Ha contribuito all’incontro dell’acustico con l’elettronico, del digitale con l’analogico e realizzato colonne sonore di film, video, spettacoli teatrali e soprattutto, coreografie di danza.
Negli ultimi anni ha regolarmente collaborato con Björk (dal disco Vespertine ai suoi tour mondiali) e anche con John Zorn, Lee Ranaldo (Sonic Youth), Fred Frith e Elliot Sharp.

Matmos
La musica dei Matmos si compone di oggetti. È musica di suoni catturati all’ambiente, acciuffati e manipolati grazie alla tecnologia. È musica da sempre elettronica che si avvale dell’ambiente e delle macchine create dall’uomo per scopi tutt’altro che musicali: riproducibile, seriale, che accetta il loop come un fatto naturale, forse un’evidenza di quel che è il contemporaneo in estrema sintesi.
Ricordiamo qui, come riferimento, la Musique Concrète teorizzata da Pierre Schaeffer negli anni ’40 (e prima di lui, preconizzata da Luigi Russolo a inizio secolo). Tutto si origina da microfoni e registratori, dalla cattura e dalla successiva manipolazione, dal “taglia e incolla” dei segmenti sonori.
Drew Daniel ama parlare della propria musica senza distinguere il concettuale dal fisico, il frivolo dal politico. Disquisisce amabilmente di come i Matmos hanno fatto "suonare" una mucca morta con la stessa scioltezza con la quale sciorina una massima di Wittgenstein.

flyer dell'evento [pdf]